mercoledì 27 ottobre 2010

Napoli, disoccupati: blitz in stazione centrale Caos in centro: danneggiati alcuni autobus Assalto al consiglio regionale:

Ormai è chiaro, la delinquenza (che a Napoli è camorra) deve ottenere in fretta qualcosa dal Governo di questa Regione o vuole intimorirlo. Ricordiamoci che la Campania doveva essere governata da ben altro personaggio che, causa manifesto sospetto di legame con la camorra, ha dovuto mettersi da parte e, obtorto collo ( è una locuzione latina in uso nel linguaggio comune per indicare l'accettazione, contro la propria volontà, di imposizioni esterne) favorire l'elezione a Presidente della Regione l'onorevole Stefano Caldoro. L'attuale Presidente, come tanti politici del PDL, è senza dubbio una persona per bene e non ha legami con la camorra, non può accettare compromessi e, a sua volta, non è accettato da chi è abituato a ben altro uso della politica. Chiedo dove sono e cosa fanno i sindacati, chiedo dove sono e cosa fanno i partiti per tentare di far uscire Napoli dal baratro in cui la camorra vuole gettarci. Se non ci svegliamo e ci riprendiamo la citta, verrà l'esercito a sistemare le cose. Attenzione, la storia insegna: l'esercito, per non avere danni e per risolvere rapidamente la situazione, farà patti con la camorra e il sud sarà sempre terra di briganti, sacca di voti, dove nessuno vorrà investire un solo centesimo.

Nessun commento:

Posta un commento