giovedì 17 gennaio 2013

IO HO PAURA DEI PAZZI !



Io starò sicuramente invecchiando e faccio fatica a comprendere quanto sta accadendo. Nel 68 avevo appena 15 anni e non vi dico cosa ho combinato in quell'epoca. Sono cresciuto, ma per capire cos'è e quanto è falsa la sinistra (dal PCI a tutte le sue procreazioni), ho dovuto attendere il 1995 quando, quale membro di una commissione del ministero dell'industria, sono stato inviato in Albania per una decina di giorni. Solo allora realizzai come la sinistra mi aveva, maldestramente, catturato ideologicamente.

Dal '95 ho iniziato una profonda revisione del mio pensiero che, per prima cosa, mi ha ricondotto verso un percorso di Fede e ad una diversa considerazione della destra moderata. Oggi non solo condivido pienamente le posizioni politiche di Silvio Berlusconi ma vorrei che qualcuno mi aiutassi a comprendere il motivo per il quale buona parte dei governanti europei desiderano ridurre a minoranza i moderati di destra italiani giungendo al punto di incoraggiare il  loro uomo Monti a sostenere la sinistra piuttosto che favorire il processo di modernizzazione sognato dalla maggioranza degli italiani (fatto dimostrato dalle  precedenti elezioni politiche). E' evidente che gli obiettivi della sinistra sono in netto contrasto con il processo riformatore dello Stato, sono in contrasto con la necessità di una rapida ripresa economica, sono in contrasto con la necessità della riaffermazione dei principi culturali e religiosi che da sempre hanno ben guidato il nostro popolo consentendogli, fra l'altro,  la più difficile delle imprese: la ricostruzione e la rinascita dopo la sciagurata guerra. Come è possibile che il prof. Monti mentre dichiara di aver condiviso il sogno riformatore e modernizzatore dello Stato, (proposta politica di Berlusconi nel '94) preferisce, anziché mettersi alla guida della coalizione di centro-destra per correggere e/o porre riparo agli errori del "mostro" Berlusconi, allearsi con il nulla e fare l'occhiolino ai vecchi comunisti? E' un pazzo?  Penso proprio che lo sia ed io ho paura per la grande capacità dei pazzi a combinare disastri. Oltre che a sostenere la coalizione di centro-destra credo sia giusto pregare Dio affinché ci preservi da questa sciagura. I francesi che hanno votato Hollande pare proprio che si siano già pentiti

2 commenti:

  1. Ma come fa a parlare così di berlusconi che è la prova evidente dell'illegalità ,se lei è una persona convinta della legalità ,ma purtroppo lei è molto vicina a persone che all'apparenza fanno molto per aiutare il prossimo ma in realtà sono dei mostri....... io sono in possesso di molto contro di loro e ho già depositato le mie denunce alle autorità competenti e mi sono cautelato e protetto perché. Solo per cercare informazioni sono stato minacciato sotto forma di consiglio.... ma io non ho paura la mia lotta continua le mie speranze sono di un mondo migliore. Ma per ottenere risultati c'è bisogno di coraggio e sacrificio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che raccontare le esperienze più significative della propria vita, specialmente quelle che hanno evoluto il pensiero e determinato scelte di vita, è un piccolo contributo regalato, senza pretesa alcuna, a chi ne volesse far uso per una propria riflessione. La legalità non è una moda e neppure una filosofia e non appartiene a uno schieramento politico; Vivere rispettando le regole, vivere compiendo il proprio dovere, vivere rispettando i diritti del prossimo, vivere in modo solidale e sostenibile, è solo un modo per tentare di "stare" nei parametri di legalità; poi se l'esempio viene recipito e resta utile al prossimo vuol dire che non avremo vissuto inutilmente. Uno dei modi per "restare" nella legalità, ad esempio, è quello di uscire dall'anonimato, non vedo quale coraggio sia necessario e quale sacrificio possa profondere chi, perdoni il giro di parole, non ha il coraggio di esporre il proprio nome e cognome e non sappia, di conseguenza, sacrificare se stesso per il bene comune. A mio parere lei ha fatto bene a denunciare alle autorità competenti i fatti che sono di sua conoscenza e voglio sperare che la denuncia non sia stata anch'essa in forma anonima. L'anonimato non aiuta la legge (si può comprendere l'anonimato solo quando si vuole segnalare la presenza di un ricercato o un luogo in cui si consuma un reato) ma lei non deve aver paura a confidarsi con le forze dell'ordine; Ufficiali dei Carabinieri, funzionari della Polizia di Stato, Ufficiali della GF sapranno ben consigliarla e sapranno far corretto uso dei fatti che sono a sua conoscenza, inoltre la sapranno guidare in quello che lei ritiene sia giusto, diversamente tutto si vanifica. Se le fa piacere e se pensa che io possa esserle d'aiuto e se riesce a liberarsi da fastidiosi preconcetti nei miei confronti, non esiti a scrivermi nuovamente, anche utilizzando la mia mail: c.sensi@sclt.eu -

      Elimina